RIPULIRE L’HARD DISK CON UNA FORMATTAZIONE A BASSO LIVELLO

I sistemi di cancellazione,di cui ho appena parlato in questo articolo cancellano i file definitivamente dall’hard disk.
Tuttavia è molto probabile che per la cancellazione di molti file non abbiate utilizzato quel sistema.
Pertanto i file che avrete cancellato tramite il classico “elimina” o “svuota il cestino” saranno ancora presenti nell’hard disk e sono recuperabili tramite software appositi come, per esempio, Recuva, Photorec o Testdisk.

In questo caso l’unica cosa da fare per avere la certezza che i file non possano essere più recuperati sarà la formattazione a basso livello.

Per eseguire una formattazione a basso livello basterà un semplice comando da terminale ma nel farlo dovremo prestare molta attenzione.
Innanzitutto se vogliamo ripulire l’intero HD dovremo operare da un USB o DVD LIVE di una qualsiasi distribuzione Linux.

In caso, invece, volessimo ripulire una delle partizioni presenti nel nostro computer, oltre che attraverso una LIVE di linux, potremo operare da un sistema Linux installato.
Inutile che vi ricordi che la cancellazione della partizione contenente il GRUB inibirà l’accesso ai sistemi presenti, al riavvio successivo.

Inutile anche ricordare che questa è un’operazione altamente distruttiva da cui non si torna indietro.
Bisogna prestare la massima attenzione alla partizione che si vuole formattare.
Pertanto è un operazione che dovrà essere eseguita da mani esperte.

IDENTIFICAZIONE DELL’HARD DISK O DELLE PARTIZIONI DA FORMATTARE

Su Linux i vari Hard Disk e dispositivi USB presenti verranno riconosciuti con le sigle sda, sdb, sdc ecc.
Se è presente un solo Hard Disk esso sarà sicuramente sda.
Le varie partizioni presenti in un hard disk verranno numerate sda1, sda2 ecc..
Pertanto se dovete formattare un Hard Disk intero o una partizione dovrete inserire la sigla dello stesso che potrete identificare dopo che da terminale avrete digitato:

sudo fdisk -l

Potrete visualizzare le sigle corrette dell’hard disk sotto la voce “disk” e delle partizioni sotto la voce “dispositivo avvio”.

Nel caso in questione sto utilizzando due hard disk identificati cone le sigle sda e sdb.
il primo contiene diverse partizioni
sda1, sda2, sda5, sda6, sda7 e sda8.
Il secondo contiene una sola partizione
sdb1

Una volta che avrete la certezza di aver identificato l’hard disk o le partizioni da formattare a basso livello digitate il seguente comando da terminale:

sudo dd if=/dev/urandom of=/dev/sdx bs=512

Dovrete sostituire sdx con la sigla identificativa dell’hard disk o partizione che vorrete formattare.

Se per esempio volessi formattare il primo hard disk (sda) dovrei digitare il seguente codice:

sudo dd if=/dev/urandom of=/dev/sda bs=512

Se volessi, invece, formattare la partizione sda8 contenuta nel primo hard disk dovrei digitare:

sudo dd if=/dev/urandom of=/dev/sda8 bs=512

Il procedimento richiederà diverso tempo soprattutto se si formatta a basso livello un intero Hard Disk.
Per avere la certezza che i dati non siano recuperabili non basterà, tuttavia un solo passaggio.
Un solo passaggio basterà per rendere inefficaci gli strumenti di recupero classici come Recuva.
Ma per rendere inefficaci anche strumenti molto più costosi si dovranno eseguire più passaggi.

Se questo articolo ti è stato utile, ti chiedo di valutare di installare Brave Browser sui tuoi dispositivi (PC, Tablet o smartphone) tramite il mio referral link, dato che il mio sito è verificato Brave il che significa che ad ogni installazione effettuata tramite il mio REF verrò ricompensato con alcuni token.

Perché dovresti utilizzare Brave? Innanzitutto perché è il browser che più di ogni altro rispetta la privacy degli utenti ma anche per molto altro. Leggi questo mio articolo per approfondire.